Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Articles Récents

13 mai 2007 7 13 /05 /mai /2007 12:59

c'est la fête des mères en Italie, l'article précédent montre la part d'abnégation nécessaire à un tel rôle.. on comprend pourquoi la population ne se multiplie pas....Pourtant un mot existe en italien et pas en français et montre l'importance de cette figure  féminine dans la vie d'un homme ...: L'Italia è anche il regno dei "mammoni"

Una ricerca condotta pochi mesi fa dall`Istituto lard ha dimostrato che su 2.500 giovani italiani tra i 25 e i 29 anni, più della metà (57,3%) vive ancora con i genitori. Non si tratta sempre di una necessità economica, né del ritorno a una famiglia di tipo patriarcale. Secondo i sociologi dell' Istituto invece è il risultato di una società permissiva e consumista che non riesce più a soddisfare le aspettative dei giovani per i quali la famiglia diventa un rifugio.

Sono più gli uomini che le donne (67.4% contra 45.9%) i mammoni d' Italia. Un dato che riporta at vecchio luogo comune che se una donna non si sposa è un acida "zitelIa", mentre l' uomo è un buon "vitellone".  Un pregiudizio superato in molte società, ma che nell' area mediterranea e ancora molto sentito.( je traduis : une femme qui ne se marie pas devient une vieille fille aigrie alors que l'homme devient un "vitellone" (revoir le film de fellini sur ces "gros veaux" trop gâtés!)

Les hommes restent donc avec leur maman qui a sacrifié sa vie de femme (au moins profesionnelle) pour élever le cher ange...et on comprend ainsi mieux cette notion de "famille" que les manisfestations d'hier hurlent.. c'est compliqué une société, tiraillée entre les peurs du futur libéral et les sédiments du passé, aussi figé et religieux soit-il..

Partager cet article

Repost 0
Published by flo - dans floritalia
commenter cet article

commentaires

Dr Stranamore 14/05/2007 09:55

Hai ragione. L'Italia è un paese di mammoni, di vitelloni. Di ragazzi ( e ragazze ) che vivono una vita vuota fatta di drink, notti sfrenate e soldi che scivolano con facilità dalle mani, tanto poi c'è la mamma. Lei che ti stira, lei che accudisce, lei che si fà in quattro per i figli. Lei che non vuole farti uscire di casa, anche se hai trent'anni ed oltre, anche se il lavoro c'è. Ragazzi che non vogliono assumersi responsabilità. Adolescenti fino all'età della pensione.